CASA DEL TEATRO 3

L’Associazione Culturale “Casa del Teatro 3” nasce nel 2014, legata artisticamente a l’Arcoscenico con cui condivide lo spazio di Via Scarampi 20 ad Asti. Il duo artistico di rifermento è composto da Sergio Danzi e Ileana Spalla, insieme dal 1998, in occasione del debutto dello spettacolo “Vuoti a Rendere” di M. Costanzo.

Mission: Crediamo nella qualità che si ottiene attraverso studio e lavoro. Non numeri, ma persone. Con tenacia e passione, carattere e condivisione, le fragilità possono trasformarsi in punti di forza

CORSI DI TEATRO

I nostri Corsi e Laboratori sono rivolti a tutti: bambini, ragazzi, adulti e seguono diversi livelli. Tutte le attività di formazione teatrale rivolte ai giovani fino ai 25 anni prevedono percorsi classici: recitazione, movimento, dizione, cenni di Storia del Teatro, analisi dei testi. I Corsi serali per adulti possono essere più o meno impegnativi, assecondando tutte le richieste.

Il Corso di Canto individuale è a cura di Silvia Benzi.

TEATRO SPETTACOLI

Gli spettacoli che vengono ancora rappresentati sono Vuoti a rendere, Già prima che calasse il dì, Il fiume della prepotenza e d’Arte e d’Amore.

VUOTI A RENDERE

Due coniugi della terza età, costretti a traslocare per cedere la casa al figlio, ripercorrono la loro travagliata vita di coppia rinfacciandosi errori e mancanze. Tra un litigio e l’altro si alternano momenti di gioia e tenerezza, i ricordi del loro passato: l’incontro con i genitori di lei per chiederla in sposa; i primi anni di matrimonio, le ambizioni, le speranze; due tentativi di tradimento da parte dei protagonisti, entrambi falliti. Una coppia in cui, nelle diverse fasi, tutti si riconoscono.

DON CHISCIOTTE E SANCHO

Nessuna opera letteraria, forse dai tempi d’Omero ad oggi, ha appassionato in ugual misura lettori adulti e giovanissimi come il “Don Chisciotte della Mancha”, per la saggezza e l’ironia profuse nelle sue pagine e per la ricchezza della fabula.
Questa messa in scena ridotta dal capolavoro di Miguel de Cervantes, brilla in tutte le sue sfaccettature e ci conduce d’un fiato alla fine del testo con l’incalzare di situazioni sempre nuove, imprevedibili, cariche di vis comica e di immagini ormai entrate a far parte della mitologia moderna.

LA STANZA DI PASSO

La vita e la morte, la fatica, il sacrificio, il senso di inutilità, l’arroganza, il cinismo: uomini e donne in mezzo alla tempesta della vita si muovono come spettri all’interno della locanda dove hanno trovato rifugio.
Ognuno ha una storia da raccontare, un Dio da invocare, un ultimo soffio di vita prima di uscire di scena.

Ultime news

Continua a sguirci per rimanere sempre aggiornato

  • Oggi non sentiamo il brusio tipico dell’evento che sta per iniziare, né l’emozione che accompagna l’

  • A Nizza Monferrato, lunedì 13 gennaio 2020 lezione prova per il Corso Trimestrale di Teatro a cura d

  • 9 Gennaio 2020 Il nuovo Corso di Dizione e lettura espressiva avrà inizio giovedì 9 gennaio dalle or

  • 9 marzo 2020 2020 ore 17,30 – Biblioteca Giorgio Faletti ASTI Consueto appuntamento mensile alla Bib

logo_sito-nero